Archivi tag: Tanzania

Do not walk beyond this point!

Ci sono posti di cui mi piacerebbe scrivere. Ma non ci riesco.

In alcuni casi l’emozione è ancora troppo forte.

Volevo raccontare qualcos’altro della mia Tanzania ma non ho ancora finito di sistemare le foto… anzi, ad essere sincera non ho ancora finito di sceglierle. Probabilmente devo ancora fare ordine in un garbuglio di ricordi e di sensazioni contrastanti.

Non è stata la mia prima volta in Africa e non è stato neppure il mio primo safari eppure… credo che per quante cose io possa ancora fare nella vita e per quanti altri luoghi altrettanto belli io possa vedere, nulla sarà mai più come questa esperienza.

Ogni fotografia che rivedo (molte, la maggior parte per la prima volta da quando le ho scattate) è un tuffo al cuore, è il brivido, è il senso di magnificenza, è un palpito, è un sorriso, è…

Gli occhi diventano lucidi, mi giro verso mio marito e lo disturbo mentre legge… “ti ricordi questo?” gli chiedo… ‘ti ricordi di lui, di loro, di questo posto, di questo bambino, di questa distesa di erbe, di questo cielo, di queste nuvole, di questo incontro…? ti ricordi?”…

Non riesco ad andare avanti perché l’emozione è così forte che, giuro, mi fa male.

Vorrei scrivere a Stanley, il nostro autista… e a Mario, la nostra guida a Zanzibar che il giorno della nostra partenza si è presentato con un’ananas gigantesca e un sacchetto pieno di frutti della passione che sono davvero la mia passione… poi non lo faccio… mi dico che è solo perché ho promesso loro che avrei mandato gli scatti più belli ma non è questo, non voglio prendermi in giro…

Semplicemente non posso ancora scrivere loro. Non sono ancora pronta per questo e neppure per andare avanti a scrivere questo post.

Sarà questo il mal d’Africa?

Don't walk beyond this point!

Sonnellino nel Ngorongoro

Una delle esperienze più stravaganti che mi sia mai capitata è stata l’incontro con un paio di iene curiose nel cratere del Ngorongoro mentre la nostra guida se la dormiva alla grande.

Per chi non lo sapesse, la Ngorongoro Conservation Area si trova nella vasta pianura del Serengenti nella Tanzania del nord, ma, se è vista durante la stagione delle piogge, il contrasto tra il verde della vegetazione e il rosso della terra fa pensare di essere ovunque tranne che in Africa.

Lo scenario si alterna con rimandi che vanno, da una parte, a pascoli altoatesini popolati, oltre che da banalissime mucche e capre quasi nostrane, anche da masai vestiti dei tipici mantelli rossi, ed esotici gnu e zebre; e, dall’altra, alla giungla rigogliosa e nebbiosa, in perfetto stile ‘Jurassic Park’ che a tratti ci ha fatto temere la comparsa di un affamato tirannosauro pronto a scambiarci per gustosi lunch boxes.

Archiviato il capitolo ‘ma-dove-ci-troviamo-siamo-sicuri-di-essere-nel-continente-giusto’, tra sobbalzi, sgommate improbabili e inchiodate al limite della resistenza del mio stomaco, abbiamo conquistato la cima della corona.

La visione del cratere è impressionante. Si dice che quel luogo sia la culla dell’umanità e che la vita stessa provenga da lì. Se non è proprio così, di sicuro non ci si allontana di molto dalla verità.

Il panorama è unico e incredibile! Impossibile da raccontare, credo.

Nella magia dello scenario che ci ospita, la nostra guida inizia a dare segni di cedimento. Contrariamente ai giorni precedenti, era stato poco loquace tutta la mattina e noi, ingenui turisti in luna di miele tutta cuoricini e pucciosità, abbiamo pensato fosse una sorta di ‘rispetto silenzioso’ per permetterci di godere appieno della straordinarietà di un luogo che non ha bisogno di grandi parole per essere descritto.

Arrivati nella base della caldera, in prossimità di un laghetto in cui il rosa delle piume dei fenicotteri contrasta poeticamente con il blu dell’acqua, la guida ferma il fuoristrada, spegne il motore, si tira il collo della felpa sulla testa e si addormenta.

Non un pisolino veloce veloce ma una vera e propria dormita con tanto di russamento e apnee del sonno!

Ovviamente non ci sono altre automobili all’orizzonte ma solo un paio di iene che, vedendoci fermi e abbastanza silenziosi, si avvicinano per sfruttare l’occasione della vita per aggiudicarsi il titolo di ‘mangiatrici di uomini’ nella loro specie che, in genere, è molto spaventata dagli esseri umani.

Che dire delle bestiole che ci girano attorno?!? Se non fosse per il sangue incrostato attorno alla bocca, sembrerebbero tenere.
Gira di qua, gira di là, una delle due si stufa e va a sdraiarsi poco più in là dell’automobile. La sua amichetta invece non demorde: inizia a strappare con i denti il telo in cui è avvolta la ruota di scorta fino a che la testa della guida impiombata nel sonno e ciondoloni dal finestrino non diventa più interessante della plastica. A quel punto fa il giro della Land Cruiser e inizia un avvicinamento alla testa di Stanley, il bello addormentato.

Impanicati ma rispettosi del pisolino dell’autista, tra una foto e l’altra, iniziamo a tossire e a parlare un po’ più ad alta voce tanto da riuscire a svegliare l’autista che si raddrizza, si stiracchia, apre gli occhi e pronuncia un sonnolento ‘hyena’ (che si pronuncia A-I-N-A), riaccomodandosi nuovamente e rimettendosi a dormire.

Interdetti, stiamo una ventina di minuti così, in religiosa attesa che Stanley si riprenda o che, almeno, passi il fuoristrada di qualche altro viaggiatore.

Ovviamente, senza successo! Nel Ngorongoro, apparentemente, quella mattina c’è solo la nostra automobile!

Dopo quasi un’ora di sosta forzata, diversi incontri ravvicinati con animali vari e un migliaio di foto, riposato, il driver si sveglia come se nulla fosse, chiedendoci se avessimo notato le iene e i fenicotteri lì attorno! No comment!

Morale della favola, la guida si era presa una brutta influenza ed era così spossato da non riuscire a proseguire nel giro senza riposarsi un po’. Terminato il sonnellino, bombato da un OKI che non manca mai nella mia pochette degna della farmacia dell’Ospedale Niguarda di Milano, ha acceso l’auto ed è ripartito alla volta di un’altra avventura.

_MG_1237

_MG_1250

_MG_1261

_MG_1257

_MG_1264

_MG_1266

_MG_1271-2

_MG_1272-2