Archivi tag: Firenze

Street Photowalk Firenze

Sabato scorso sono partita alla volta della sempre splendida Firenze con un caro amico, insegnante di fotografia e maestro del genere Street.

La giornata è stata splendida. Il sole era fortissimo e il vento ha pulito il cielo rendendo ogni immagine nitida e in movimento.

Mi è stato chiesto (‘suggerito’ è più esatto!) di scegliere un tema, un progetto e scattare seguendo un filo logico creativo. La cosa si faceva piuttosto impegnativa perché non sono in grado di scegliere a priori quali soggetti immortalare con la macchina fotografica: vedo qualcosa, mi colpisce, la fotografo. Questo significa che quando torno a casa, mi rendo conto di aver fatto centinaia di fotografie e poi mi ritrovo a dover selezionare le migliori (dove migliore non sta per più belle, ma per più significative…almeno per me) e non è sempre facile.

E’ una mia mancanza perché non sono ancora capace di cercare qualcosa di specifico. A volte mi colpisce la luce che illumina un soggetto, a volte la particolarità del soggetto stesso, altre la cornice in cui si muove, altre ancora il suo rapporto con l’ambiente circostante. Sono piuttosto confusa e mi chiedo se con il tempo maturerò.

Al momento, di una cosa sono sicura: mi piace fotografare le persone. Quindi sono partita da questo.

Mi piacciono i ritratti, mi incuriosiscono alcune fisionomie e certi gesti, certi modi di ‘stare nel mondo’. Firenze è perfetta in questo senso: è talmente bella e talmente vista e rivista da poterci passare un’intera giornata senza doverti necessariamente concentrare sulla città e su i suoi monumenti.

Li conosco, a memoria… Ci sono stata un’infinità di volte, ho diverse amici che ci hanno vissuto e che me l’hanno fatta vivere anche per i problemi, le criticità, le difficoltà a cui devono far fronte gli abitanti per stare in un luogo così incredibile. So che potrebbe sembrare una bestemmia ma sono ‘abituata’ a Firenze.

E poi è il luogo giusto se si vuole fotografare la gente: è piena di turisti che sono arrivati da ogni dove e ciò significa che, in pochi kmq, si incontrano personaggi diversissimi tra loro. E significa anche che la gente non si chiede perché tu abbia una macchina fotografica in mano e non trova strano se qualcuno che non ha mai visto la immortala nei momenti della giornata più disparati. Ecco quindi che ci saranno persone stupite, persone affaticate, persone incantate, persone annoiate, persone irritate, persone innamorate… a Firenze c’è davvero tutto il mondo.

Quel giorno, poi, era la Festa della Donna, ma questo è stato soltanto un pretesto. Amo fotografare le donne in ogni giorno dell’anno.

Le acconciature, i vestiti, il trucco, i gesti, le andature, le espressioni… Le foto in cui è ritratto il genere femminile sono sempre quelle che mi colpiscono di più. Delicatezza, eleganza, passionalità, fragilità, volgarità, leggerezza, dolcezza, tristezza, emotività, felicità… ci può essere di tutto in un unico scatto.

Quel giorno, il vento che ha pulito il cielo, ha mosso i capelli dei miei soggetti, i loro abiti. La luce così calda del sole ha creato delle ombre sorprendenti. Le persone sembravano su un palcoscenico e la scenografia era qualcosa di straordinario.

C’erano turiste a Firenze, e bottegaie, artiste di strada, madri, spose, mendicanti, bambine… giapponesi!!! Ho provato a cercare la molteplicità femminile nei soggetti che vivono la città.

Ci ho provato e questa è una mini (mini-mini-mini-etc) selezione del risultato. 🙂

PS: Ringrazio Gabriele Lopez per avermi portata lì, per aver scelto quel giorno e quella città. Lo ringrazio per i preziosi consigli, la pazienza, l’umiltà, la coerenza e l’entusiasmo che ci mette sia quando fotografa sia quando insegna. E perché non educa ad ‘un genere’, ma educa ad una passione…

_MG_2366

_MG_2439

_MG_2500

_MG_2511

_MG_2527

_MG_2548

_MG_2772

_MG_2524

_MG_2597

_MG_2605


_MG_2723

_MG_2774

_MG_2777

_MG_2794

_MG_2880

_MG_2911